HOME / PROGETTI / STUZZICHINI

Stuzzichini – RaccontaTeatro



Come partecipare / Informazioni: “Stuzzichini – RaccontaTeatro” sono appuntamenti virtuali della durata di circa 45 minuti ciascuno nel corso dei quali uno dei professionisti che abitano il Teatro Portland racconteranno alcune produzioni teatrali alle quali hanno lavorato nel corso della loro carriera.
L'appuntamento è stato fissato ad ora aperitivo proprio per sentirci vicini in un momento di piacere, da condividere, dunque, non dimenticate di partecipare all’appuntamento con stuzzichini e drink!
Un certo valore aggiunto garantito da questi incontri è dato dalla possibilità di incontrare virtualmente molti soci Portland, un’ora di puro scambio associativo.
Avete voglia di partecipare?
Se sei già socia/socio Portland contattaci.
Se vuoi sottoscrivere la tessera associativa di Portland scrivici , ti invieremo il modulo di iscrizione.
La tessera sarà valida fino a dicembre 2020, per noi sarà un aiuto concreto in questo momento di difficoltà.

Contatti
info@teatroportland.it
Telefono e WhatsApp 339 1313989


Una proposta che nasce in un momento emergenziale che ha colpito noi tutti: la nostra quotidianità e le nostre professioni. Il mondo del teatro, della formazione e dell’associazionismo è stato fermato dalla pandemia che ha inibito la possibilità di aggregarsi e riunirsi anche per sviluppare e alimentare le nostre passioni, la nostra passione, quella per il Teatro!
E’ così che nasce l’idea di organizzare dei momenti dedicati ai soci Portland, tempo dedicato all’approfondimento teatrale, consì nascono
“STUZZICHINI!”. Incontri telematici, dedicati ai soci Portland, che si svolgono ogni sabato alle ore 18.30 in modalità telematica. Un modo informale di rimanere in contatto, socializzando online e approfondendo tematiche e argomenti che normalmente si affrontano nel corso di percorsi formativi proposti negli spazi del Portland; la prima serie di “Stuzzichini” ha infatti trattato temi quali l’arte della parola, la lettura interpretativa e lo storytelling.

“Stuzzichini”, a partire da sabato 9 maggio evolve e, nella sua seconda fase, diventerà
“Stuzzichini – RaccontaTeatro”. Verranno raccontati in maniera curiosa, aneddotica e divertente alcune delle produzioni che hanno fatto la storia del teatro indipendente trentino e che sono state scritte, interpretate o/e dirette da alcuni dei professionisti che abitano il Portland.
Registi, attori e drammaturghi vi porteranno lungo un viaggio di scoperta: di cosa parlano questi spettacoli? come sono nati? Quale urgenza avevano? Come è stato portarli in scena? E tante altre curiosità e dietro le quinte.



Tutti gli appuntamenti si svolgono il sabato pomeriggio alle ore 18.30, ecco il calendario dei prossimi appuntamenti:


9 maggio 2020
Sloi Machine
Drammaturgia Andrea Brunello
Regia Michela Marelli
In scena Andrea Brunello
Produzione Arditodesìo

L'operaio della S.L.O.I. aveva la possibilità di vincere: la paga alla S.L.O.I. era il doppio di quella delle altre aziende e con gli extra fuori busta si faceva jackpot! Il rischio era quello di perdere l'intelletto, la salute, la vita.
Il vero jackpot lo facevano i proprietari della fabbrica. La S.L.O.I. era una delle pochissime al mondo a produrre il piombo tetraetile, l'additivo chimico nelle benzine super. Era troppo pericoloso, nessuno voleva averci a che fare. Andava a ruba.
In ogni litro di benzina che il mondo usava c'era un po' della salute degli operai della S.L.O.I. di Trento. Erano loro le monetine, la fabbrica era una slot machine e i padroni vincevano a mani basse.
Fino al 1978. Un enorme incendio, i depositi del piombo tetraetile lambiti dal fuoco. La città di Trento ha sfiorato l'annientamento.
Nel 1978 solo la morte ha rischiato di fare jackpot.

Sabato 16 maggio
La conquista della felicità, dialogo tra Bertrand Russell e Cassiopea
Drammaturgia e regia di Maura Pettorruso
In scena Stefano Pietro Detassis
Produzione TrentoSpettacoli

Bertrand Russell - premio nobel per la letteratura nel 1950 - è il protagonista di questo monologo: le sue lotte per la parità dei diritti, per la pace, contro il nucleare.
Un minuscolo spazio terra - quasi un asteroide lanciato nello spazio - è il luogo da cui ci parla, raccontandoci, in un flash-back immaginario la sua vita e le sue sconfitte.

Sabato 23 maggio
Il principio dell'incertezza
Drammaturgia Andrea Brunello
Regia Andrea Brunello e Michela Marelli
In scena Andrea Brunello e Enrico Merlin
Produzione Arditodesìo

Il Principio dell’Incertezza prende le mosse dai libri e dalla biografia di Richard Feynman, importantissimo e popolare fisico statunitense premio Nobel per la fisica nel 1965. È una vera e propria lezione di meccanica quantistica con un risvolto molto umano. Il progetto prende spessore dal fatto che Andrea Brunello, oltre ad essere attore professionista, possiede un Ph.D. in fisica teorica ed è stato per un certo periodo ricercatore. In scena si sviluppa l’esposizione del Professore che si inerpica attraverso alcuni fra i più misteriosi concetti della meccanica quantistica (l’esperimento della doppia fenditura, il gatto di Schroedinger, i many-worlds di Hugh Everett III) per raccontare un meraviglioso mondo fatto di misteri e paradossi. Ma sotto si nasconde un’inquietante verità...

Sabato 30 maggio
H-Il campione del mondo
Drammaturgia di Maura Pettorruso
In scena Woody Neri e Stefano Pietro Detassis
Regia di Stefano Cordella
Produzione TrentoSpettacoli

Le anime di Ernest Hemingway - l'uomo di lettere e l'uomo d'azione - si scontrano in un ring distrutto e scomposto. Un pugile e un giornalista danno vita ad un dialogo in cui la guerra
diventa il terreno per parlare del senso della vita. La vita e la scrittura del grande romanziere - premio Nobel per la Letteratura nel 1954 - sono il filo rosso che lega questi due personaggi ai loro destini.

Sabato 6 giugno
Pale Blue Dot
Drammaturgia Andrea Brunello
Regia Christian Di Domenico
Con Andrea Brunello
Produzione Arditodesìo

Una incredibile storia di speranza, meraviglia, bellezza e disperazione. Il destino della sonda Voyager 1 si mescola con quella del suo creatore dalle tendenze suicide, quelle di suo figlio sognatore e quelle del Pianeta Terra. Mentre il satellite artificiale si allontana dal sistema solare tutto cade in prospettiva, diventa dolorosamente chiaro che il nostro Pallido Pallino Blu, la Terra, è l’astronave più preziosa e va protetta senza esitazione e senza compromessi. Perché non riusciamo a farlo? Forse non siamo “ingegnerizzati” per farlo? Forse non siamo così intelligenti?
Ma quando tutto sembra perduto avviene la più incredibile delle rivoluzioni. È draconiana e necessaria. Il senso fatalistico di inevitabilità è sollevato dalle nostre anime e la struttura sociale cambia per sempre e per il meglio. Ma è successo veramente? Può succedere veramente? Oppure è solo utopia, una storia di speranza che deve essere raccontata e poi inviata al Voyager 1 così che almeno lui possa tenere un’ultima finale reliquia della nostra civilizzazione che potrebbe essere giunta al termine del suo viaggio?





Teatro Portland
via Papiria 8
38122 - Trento
(google maps)

Segreteria (prenotazione corsi e informazioni) aperta lunedì-venerdì dalle 15.00 alle 19.00
Tel. 0461.924470
info@teatroportland.it

Biglietteria (prenotazione spettacoli e stagioni):
Tel. 0461.924470 (feriale) - 339.1313989 (festivo)
prenotazioni@teatroportland.it


Le prenotazioni fatte via sms, mail e WhatsApp sono valide solo se confermate e si accettano fino ad un'ora prima dello spettacolo.

Direzione artistica
Andrea Brunello
direzione@teatroportland.it

Segreteria e scuola di teatro
Arianna Mosca
(Segreteria aperta lunedì-venerdì dalle 15.00 alle 19.00 / Tel. 0461.924470)

Amministrazione
Francesca Pegoretti
amministrazione@teatroportland.it

Copyright © 2020
Codice Fiscale e Partita IVA 01886360229
Obbligo di cui art. 1 commi 125-129 L. 124/2017 (File PDF)
PEC: aps_portland@pec.it

web project by crushsite.it